La scrittura epistolare in Europa dal Medioevo ai nostri giorni. Generi, modelli e trasformazioni

La scrittura epistolare in Europa dal Medioevo ai nostri giorni. Generi, modelli e trasformazioni

Pur se, nel tempo di internet, può apparire una forma di comunicazione per certi versi desueta, perlomeno nelle forme e nelle modalità con cui un tempo veniva usata, la scrittura epistolare è un genere testuale tutt'altro che statico, perché offrendosi a molteplici trasformazioni, ibridazioni e contaminazioni, appare come una pratica sociale flessibile e malleabile, che spesso ha dato, e ancora dà, origine ad altri generi testuali. L'analisi della scrittura epistolare come pratica sociale implica attenzione non solo per i testi, ma anche per il ruolo e l'identità dei partecipanti a tale pratica, in primo luogo di chi scrive e riceve la lettera. Gli epistolari e i carteggi diventano, così, preziosi materiali su cui ricostruire non soltanto rapporti privati ed evoluzioni personali di pensiero e sentimento, ma anche storie sociali, movimenti letterari e artistici, la nascita e/o la scomparsa di mode, pregiudizi, tendenze, oltre che mutamenti linguistici e comunicativi.
 
Prezzo: € 42,00
Generalmente disponibile in 3 settimane Aggiungi al carrello Aggiungi a lista dei desideri

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Introduzione al comportamento animale
Introduzione al comportamento animale

Mark Ridley, C. Ciulli Chiavetta, M. Chiavetta
Il tramonto dell'Occidente
Il tramonto dell'Occidente

Oswald Spengler, Julius Evola, J. Evola, M. Cottone, Rita Calabrese Conte, R. Calabrese Conte, Margherita Cottone, Furio Jesi, F. Jesi, Stefano Zecchi
Aphra Behn
Aphra Behn

Vita Sackville-West, E. Chiavetta
Una vicenda di François Villon
Una vicenda di François Villon

Robert Louis Stevenson, E. Chiavetta
Colpa nostra
Colpa nostra

Rosario Chiavetta
Colpa nostra
Colpa nostra

Rosario Chiavetta
Colpa nostra
Colpa nostra

Rosario Chiavetta
Popularisation and the media
Popularisation and the media

E. Chiavetta, S. Sciarrino, C. Williams