Ma le giubbe rosse non uccisero Aldo Moro. La politica spiegata a mio fratello

Ma le giubbe rosse non uccisero Aldo Moro. La politica spiegata a mio fratello

Politica e giovani sono due mondi davvero inconciliabili? Secondo l'opinione comune, si direbbe proprio di sì. Quanto - secondo i giovani - la politica appare lontana, incomprensibile, inconcludente, tanto - secondo le indagini - i giovani sembrano disillusi, ma al contempo refrattari a crescere e ad assumersi responsabilità.Partono da questa domanda Lorenzo e Jonas, un giovane parlamentare e il fratello diciottenne, nel loro dialogo immaginario.Un confronto a tutto campo per conoscersi e tentare di sfidare i luoghi comuni sulla politica e sui giovani; le aspettative sul futuro, le sfide per i ragazzi che avranno vent'anni nel Duemila. Ma anche l'occasione per scoprire che non sono state le Giubbe Rosse a uccidere Aldo Moro, per toccare con mano cosa significa l'integrazione europea, per capire cosa è davvero la globalizzazione dell'economia. Il dialogo fra Lorenzo e Jonas, agile e serrato, esplora rapidamente i capitoli più importanti della storia recente del Paese, le novità dell'integrazione economica e del ruolo crescente della comunicazione di massa, la sfida della nuova Europa.Sarà capace Jonas di rispondere positivamente alla domanda "Ma tu, t'impegni?", vincendo resistenze e pregiudizi, e giocando la carta della politica sulle tematiche che riguardano più da vicino lui e la sua generazione?
 
Prezzo: € 7,23
Prodotto fuori catalogo Aggiungi a lista dei desideri

Dettagli Libro

  • Titolo: Ma le giubbe rosse non uccisero Aldo Moro. La politica spiegata a mio fratello
  • Autore: Sergio Staino, Matteo Renzi, Lapo Pistelli
  • Curatore:
  • Traduttore:
  • Illustratore:
  • Editore: Giunti Editore
  • Collana:
  • Data di Pubblicazione: 1999
  • Pagine:
  • Formato:
  • ISBN: 9788809014831
  • -

Libri che ti potrebbero interessare

Desiderio
Desiderio

Belnome Ricardo
Libero chi legge
Libero chi legge

Fernanda Pivano
Amo un bastardo (ma non è il mio cane)
Amo un bastardo (ma non è il mio cane)

Alessandra Torre, Debora Villa, Francesca Micardi