Il giardino dei ciliegi

Il giardino dei ciliegi

Nel "Giardino dei ciliegi" (1904) Cechov tocca quel vertice di perfezione e di levità che, all'incirca in quello stesso periodo, aveva raggiunto nella narrativa [...]. Il nuovo tipo di lettura teatrale che una simile opera richiede fu capito da Mejerchol'd che, in una lettera a Cechov dell'8 maggio 1904, scriveva: "La sua commedia è astratta come una sinfonia di Cajkovskij. E il regista deve coglierla prima di tutto con l'udito". E' quindi una semplificazione, anzi un tradimento leggere e rappresentare "Il giardino dei ciliegi" in chiave sociologica, come si fece per un certo tempo... - Vittorio Strada
Momentaneamente non ordinabile

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Guarire con la visualizzazione
Guarire con la visualizzazione

Gerald Epstein, Liliana Bollini
Chilometri di sudari. L'investigatore Nestor Burma
Chilometri di sudari. L'investigatore Ne...

F. Angelini, Leo Malet, L. Bernardi
Medicina antroposofica. La cura del corpo, dell'anima e dello spirito secondo gli insegnamenti di Rudolf Steiner
Medicina antroposofica. La cura del corp...

Michael Evans, R. Guardigli, Iain Rodger
Il governo dei conflitti
Il governo dei conflitti

Elio Veltri, Francesco Paola
La traduzione. Teorie e pratica
La traduzione. Teorie e pratica

Susan Bassnett, McGuire
Bonus malus
Bonus malus

Geno Pampaloni
Il Super-Baby
Il Super-Baby

Ferdinando Camon
Il gioco
Il gioco

Milo Manara
FESTA IN MASCHERA
FESTA IN MASCHERA

Silvia D'Achille