Domani e per sempre

Domani e per sempre

Kajan ha avuto una fortuna rara, un talento indiscusso per il pianoforte, e una sfortuna tragica: nascere nel corso della Seconda Guerra Mondiale, in Albania. E il 1943 e Kajan vive in una fattoria con la famiglia e con suo nonno Betim nella campagna albanese. I suoi genitori sono partigiani e sono sulle montagne a combattere contro i nazisti. L'esistenza di Kajan scorre in qualche modo al riparo dalle atrocità belliche, fino a che un giorno un disertore tedesco di nome Cornelius bussa alla loro porta, cercando rifugio. Il soldato è un abile pianista e il piccolo Kajan decide di approfittarne per imparare; si rivela un allievo disciplinato e talentuoso, e sviluppa un rapporto di affetto viscerale con il soldato, Poco prima della resa dei tedeschi, una truppa di nazisti invade la fattoria. I tre ascoltano impotenti gli spari, nascosti in una botola sotterranea. La tensione cresce fino a quando i tedeschi non scoprono il loro nascondiglio: è lì che Cornelius esce fuori senza esitazione e ancora una volta, uccidendo i suoi connazionali, salva la vita di Kajan. Betim, però, è rimasto mortalmente ferito dagli spari. È la notte della liberazione dell'Albania. Cornelius ha la possibilità di tornare a casa, in Germania, con l'aiuto di Selie, la madre di Kajan, leader di un comando di partigiani che ha molto peso nel partito. Quindici anni dopo circa, Kajan è divenuto uno stimato professore di musica, a soli 20 anni, per merito del suo prodigioso talento. Ama, ricambiato, una sua alunna di nome Elizabeta. Ma c'è un problema, accentuato dalla figura della rigida e irreprensibile madre Selie, ormai elevata agli alti ranghi del novello regime comunista: Elizabeta è la figlia di un traditore. La guerra che Kajan pensava finita sta per iniziare in una nuova forma con nuovi nemici.COME COMINCIA"Nonno, dov'è la guerra?""La guerra è lontana da qui, Kajan. Finisci la tua cena.""Perché noi non la vediamo?""Perché non ci interessa. Io sono troppo vecchio e tu sei troppo piccolo," rispose Betim sorridendo."È per questo che Mami e Babi non sono qui con noi? A loro la guerra interessa?""No, figliolo, sono loro che interessano a lei.""Perché?""La guerra nasce prima nella mente di pochi, poi in quella di molti, poi dalle menti passa alle mani e alle gambe e da lì si sposta negli occhi. E poi, anche quando finisce, negli occhi rimane. Resta lontano dalla guerra, Kajan, non guardarla mai, è una cosa brutta, io lo so."
Disponibile in 7 giorni lavorativi Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

La stanza del tenente
La stanza del tenente

Giorgio Borra
Fantasma del castello (Il)
Fantasma del castello (Il)

Antonio Panzarella
Quarto di secolo
Quarto di secolo

Innocenti Iacopo
Campanellino
Campanellino

Clara M. Parodi, Roberta Bombini, A. Saracco, U. Nespolo
Dilivrarmi
Dilivrarmi

Romano Tommaso