Sentirsi esistere. Inconscio, coscienza, autocoscienza

Sentirsi esistere. Inconscio, coscienza, autocoscienza

Lungi dall'essere trasparente a se stesso e pietra angolare della conoscenza della realtà, il soggetto è un fragile edificio, costituito di mattoni neurocognitivi e psicosociali che si caratterizza innanzitutto per la sua precarietà. Di qui la sua natura essenzialmente difensiva, il suo articolarsi in un insieme di manovre psicologiche che si sforzano di porre argine alla sua originaria fragilità. Con gli attrezzi forniti da una filosofia della mente innervata dalle scienze cognitive, gli autori sviluppano una critica della soggettività autocosciente, in cui l'io da dato primario diviene costruzione e i temi dell'inconscio, dell'autoinganno e dei meccanismi di difesa vengono letti in una luce nuova e più rigorosa.
Al momento non disponibile, ordinabile in 3 settimane circa Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Il nemico in casa
Il nemico in casa

Adriano Greco
Luna a strisce
Luna a strisce

Valentina Vignola
Dalla Paganella a Uluru. Profili dell'emigrazione trentina in Australia. 1846-2009
Dalla Paganella a Uluru. Profili dell'em...

F. Bertagnolli, Renzo Tommasi
La pedina scambiata
La pedina scambiata

Georgette Heyer
Nel giorno dei morti
Nel giorno dei morti

Antonio D. Mele