Mio amico Céline (Il)

Mio amico Céline (Il)

Nell'immagine di Céline convivono due opposte fisionomie, l'autore di grandi romanzi come "Viaggio al termine della notte" o "Morte a credito" e il pornografo antisemita di "Bagatelle per un massacro". Fuggito nel '44, arrestato e recluso in Danimarca per collaborazionismo, poi amnistiato, Celine torna in Francia nel 1951 rintanandosi a Meudon, nella banlieu a ovest di Parigi. In un villino diroccato sopravvive con sua moglie Lucette, la ballerina, e un'arca di animali domestici (cani, gatti, un pappagallo di nome Coco) che alleviano la sua clausura di misantropo, quando lo va a trovare Robert Poulet, lo scrittore belga che diviene il testimone oculare della sua ultima parabola. Per la prima e unica volta, Céline si racconta e mette a nudo la propria esistenza, la giovinezza avventurosa, la professione medica, i libri, le amicizie, gli amori, i segreti della scrittura, i trascorsi dell'autore di successo come dell'uomo messo al bando dalla società civile. Alternando in presa diretta gli spettri di una vita davvero inimitabile e le invenzioni di un immaginario deragliante, "Il mio amico Céline" corrisponde a un'autobiografia scritta per procura e ritorna come il testamento di uno dei più grandi letterati del Novecento.
Momentaneamente non ordinabile

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Un sassolino colorato
Un sassolino colorato

Francesca M. Tucci
Quasimodo
Quasimodo

F. D'Episcopo, Giulia Rocci Lassandro
Missione pianeta verde
Missione pianeta verde

Riccarda Patelli Linari
Il signor No
Il signor No

Tagliabue Marisa
Poesie e pensieri
Poesie e pensieri

Giuseppe Cesaro
Un, due, tre... Sole!
Un, due, tre... Sole!

Tiziana Soressi
Poesie bambine
Poesie bambine

Padiglioni Olga
Il giardino delle memorie
Il giardino delle memorie

Domenico Mangiardi
Toccami
Toccami

Maldonado Stefania
Cenere
Cenere

Pasquale Jannotta
Radicitus
Radicitus

Tusiani Joseph