Perdersi è meraviglioso. Interviste sul cinema

Perdersi è meraviglioso. Interviste sul cinema

David Lynch (1946) è uno dei massimi cineasti statunitensi degli ultimi decenni, vincitore di due Palme d'Oro a Cannes, due Cesar e un Leone d'Oro alla carriera. Con film come Eraserhead e Inland Empire, passando per The Elephant Man, Velluto blu, Twin Peaks e Mulholland Drive, ha affermato negli anni un proprio personalissimo stile fatto di ambiguità, mistero, perversione, di situazioni vissute in un confine indistinguibile fra sogno e realtà. Gli autori di queste ventiquattro interviste - che ripercorrono l'intera carriera del grande regista, dal 1977 fino a oggi - scavalcano abilmente il riserbo quasi maniacale di Lynch sul significato dei propri film, riuscendo a farlo aprire a risposte mai scontate e sempre penetranti, con ampie digressioni sulle altre forme artistiche che ama: dalla pittura alla musica, al design. Fra notazioni tecniche, aneddoti dal set, ricordi personali e vere e proprie dichiarazioni di poetica, queste pagine offrono un ritratto in presa diretta di uno dei registi più visionari della storia del cinema.
Prodotto fuori catalogo

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Elettrocardiografia clinica
Elettrocardiografia clinica

Bayes De Luna, Antoni
Angiografia con verde di indocianina
Angiografia con verde di indocianina

Slakter Jason S., Flower Robert W., Yannuzzi A. Lawrence
The natural history of dung beetles of the subfamily Scarabaeinae
The natural history of dung beetles of t...

Eric G. Matthews, Gonzalo Halffter
Guida alla perimetria
Guida alla perimetria

Mario Venezia, Dario Sisto
I moti dell'anima
I moti dell'anima

Uscè Paola
Sogni premonitori
Sogni premonitori

Uscè Paola
Anestesia oftalmica
Anestesia oftalmica

Hustead Robert F., Sanders Donald R., Gills James P.
Modelli sperimentali nel trapianto di fegato
Modelli sperimentali nel trapianto di fe...

Mazziotti Alighieri, Gruttadauria Giuseppe