Song e Naila, lavoratori con i denti da latte - Sigrid Baffert, Sylvie Accornero Sofi - 9788876704277 :: Libreria Fernandez
 
Song e Naila, lavoratori con i denti da latte

Song e Naila, lavoratori con i denti da latte

Il filo della storia si dipana sulla trama di un telaio a Troyes, nella provincia francese. Una matassa di tre racconti si riecheggiano fino a formarne uno solo, e ripercorrere alcuni istanti della vita quotidiana di bambini che lavorano attorno all'industria tessile. A partire da un fatto di cronaca il libro offre uno strano viaggio nel tempo e nello spazio. Song e Chai si spaccano la schiena in un laboratorio clandestino ai giorni nostri; Corentin è un piccolo apprendista magliaio, poco prima della Rivoluzione del 1848; Naila tesse tappeti a Fez, in Marocco, negli anni Sessanta. Sono accomunati dal sudore, dagli stessi crampi alle dita, dallo stesso dolore alle reni. Senza pathos né compiacenza, talvolta con un umorismo graffiante, il volume racconta la vita di questi lavoratori con i denti da latte, costretti a sopravvivere nel mondo dei grandi. Tre riflessi di uno stesso viso che raccontano le difficoltà, la fatica, ma anche l'arte di arrangiarsi e la speranza.
Momentaneamente non ordinabile

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Il calcolo dei plinti agli stati limite
Il calcolo dei plinti agli stati limite

Paolo Iannelli, Caterina Rubino
Fuori stagione
Fuori stagione

Mancuso Salvatore
La mano destra di Dio
La mano destra di Dio

Maurizio Lodovichetti
Montefoscoli e il museo della civiltà contadina. Piccola guida per piccoli visitatori
Montefoscoli e il museo della civiltà c...

Alberti Antonio, D'Urso Giusi
L'albero cavo
L'albero cavo

Luigi Zadi
Minatori
Minatori

Mario De Nardin
Testamento d'amore
Testamento d'amore

Chiarello Daniele
Canti metropolitani
Canti metropolitani

Luongo Rossella
La balena Serafina
La balena Serafina

Gorgoni Renato
Dinamiche dei sistemi urbani-Urban system dybamics
Dinamiche dei sistemi urbani-Urban syste...

Pulselli Riccardo M., Romano Pietro
La parola data
La parola data

Giovanni Nuscis