L'omonimo

L'omonimo

Vede la morte in faccia, Ashoke Ganguli, una notte d'ottobre, in India, quando il treno deraglia, i vagoni si accartocciano in un lampo. Lo salva il racconto che sta leggendo nell'attimo dell'incidente: Gogol, Il cappotto. Al lume della lanterna, qualcuno scorge le pagine del libro sparse per i campi: il giovane che ne solleva, con le ultime forze, qualche foglio è ancora vivo. Grato allo scrittore russo, sette anni più tardi, in America, Ashoke Ganguli decide di chiamare Gogol il primogenito appena nato. Ma quando cresce, man mano che si affaccia al mondo "nuovo", Gogol Ganguli trova insulso, fastidioso, quel nome che è un cognome, e neppure indiano. Si allontana allora dai genitotri e dalle tradizioni di famiglia, fino a che un evento tragico lo obbliga a tornare sui suoi passi.
Prodotto fuori catalogo

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Quale motorino con il manubrio cromato giù in fondo al cortile?
Quale motorino con il manubrio cromato g...

Georges Perec, E. Caillat, Emanuelle Caillat
Il miracolo degli orsi
Il miracolo degli orsi

C. Faloci, Wolf Erlbruch
Middlesex
Middlesex

Katia Bagnoli, K. Bagnoli, Jeffrey Eugenides
Morte di un medico legale
Morte di un medico legale

Anna Solinas, A. Solinas, P. D. James
La religione dei romani
La religione dei romani

Umberto Gandini, Jorg Rupke
La via della bellezza. Per una storia della cultura estetica cinese
La via della bellezza. Per una storia de...

A. Crisma, Maurizio Scarpari, Li Zehou, Amina Crisma
Link. La scienza delle reti
Link. La scienza delle reti

Albert­Laszlo Barabasi, Benedetta Antonielli d'Oulx, B. Antonielli d'Oulx
Ombre
Ombre

Palma Severi, P. Severi, Robert Schneider