I paradisi artificiali

I paradisi artificiali

"I paradisi artificiali" rappresentano mondi, frutto dell'uso dell'hashish e dell'oppio, che gratificano l'uomo e al contempo ne fanno scaturire la condanna, che attraggono e repellono, che destano ammirazione e disprezzo. Nient'altro che mondi per sfuggire alla realtà empirica e per appropriarsi dell'infinito, nel vano tentativo di elevare se stessi. In questo saggio l'autore usa uno stile evocativo e allusivo, netto e intricato, periodi caratterizzati da un grande groviglio di subordinate, che talvolta si avviluppano tanto da sembrare una riproduzione su carta della confusione dei suoi "allucinati" pensieri. Baudelaire alterna parole di elogio per le droghe che esaltano la personalità e l'intellettualità dell'individuo a dure parole di condanna, e per questo verrà da molti considerato il pioniere della moderna critica alle sostanze stupefacenti.
Disponibile in 5 giorni lavorativi Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

L'anima del male
L'anima del male

Giovanni Zucca, Maxime Chattam
Una storia comunista
Una storia comunista

Armando Cossutta, Gianni Montesano
Ovunque sei
Ovunque sei

Placido, Piccolo, Contarello, Starnone
e.enciclopedia
e.enciclopedia

Fabiana Borsari, Massimo Marconi
Trilogia dei baci
Trilogia dei baci

Gabriella Imperatori
Le reliquie di san Cirillo
Le reliquie di san Cirillo

Bianca Sulpasso, Nikolaj Spasskij
Seconda chance
Seconda chance

James Patterson, Cristina Prasso Res, Andrew Gross
Genitori soli e forti
Genitori soli e forti

Vera Colombo, Elisabeth Cope
Romantica
Romantica

Claudia Valeria Letizia, C. V. Letizia, Barbara Gowdy
Sapori in cucina. La scelta degli ingredienti per la dispensa
Sapori in cucina. La scelta degli ingred...

Clare Ferguson, Morgan Gibellini