... che Dio perdona a tutti

... che Dio perdona a tutti

... che Dio perdona a tutti: Con la sua inconfondibile voce, Pif esordisce nel romanzo con un’opera divertentissima che ci costringe a riconsiderare i rapporti che ci legano gli uni agli altri e il senso profondo delle parole solidarietà, uguaglianza, verità | Arturo è un trentacinquenne, non ha ancora una fidanzata e fa l’agente immobiliare. Il suo principale obiettivo nella vita è mantenere immutato lo stato delle cose. Ha poche passioni che, con scarso successo, cerca di condividere con gli amici di calcetto. La più importante e irrinunciabile sono i dolci, in particolare quelli con la ricotta. Almeno fino a quando entra in scena lei, Flora: la figlia del proprietario della pasticceria che fa gli sciù più buoni di Palermo, il dolce preferito di Arturo. E in un istante diventa la donna dei suoi sogni. Sveglia, intraprendente, ma anche molto cattolica, Flora sulla religione ha la stessa pignoleria di Arturo sui dolci, ed è proprio così che lui la conquista, interpretando Gesù durante una Via Crucis. Quel giorno è per Arturo un vero calvario, perché durante il tragitto si accorge di aver dimenticato i più semplici insegnamenti cattolici e sbaglia tutto, dando vita a una rappresentazione ai limiti del blasfemo. Ciò nonostante, Flora s’innamora e per un periodo felice i due stanno insieme, senza che lei si accorga della sua indifferenza religiosa e, naturalmente, senza che Arturo la confessi… Un precario equilibrio, fatto di sotterfugi e risposte liturgiche bofonchiate a mezza voce, che non può durare. Quando lei se ne accorge, Arturo, un po’ per sfinimento e un po’ per provocazione, reagisce con insolita fermezza: seguirà alla lettera la parola di Dio. Per tre settimane. Una rivoluzione che cambierà la sua vita, rivelando a lui, ma anche a Flora e a tutti coloro che li conoscono, amici e colleghi compresi, una verità molto scomodaWith his unmistakable voice, Pif debuts in novel with an artwork funny that forces us to reconsider the relations that bind us to each other and the profound meaning of the words solidarity, equality, truth | Arturo is a 35-year-old, does not have a girlfriend and is the REALTOR. His main goal in life is to keep unchanged the State of things. It has few passions, with limited success, tries to share with friends of soccer. The most important and indispensable are the sweets, especially those with ricotta. At least until she enters the scene, Flora: the daughter of the owner of the bakery that makes the most delicious Sado of Palermo, the favorite dessert of Arturo. And in an instant it becomes the woman of his dreams. Wake up, pushy, but also very Catholic, Flora on religion has the same fussiness by Arturo on sweets, and this is how he conquers, interpreting Jesus during a Via Crucis. That day is an ordeal for Arturo, because along the way you realize that you forgot the most basic Catholic teachings and misses everything, giving rise to a representation to the boundaries of blasphemous. Nonetheless, Flora falls in love and a happy time the two are together, without her noticing his religious indifference and, of course, without that Arturo the confess ... A precarious balance, made of subterfuge and liturgical responses mumble half aloud, that may not last. When she notices, Arturo, a bit from exhaustion and a bit for provocation, reacts with unusual firmness, will follow the letter of the word of God. For three weeks. A revolution that will change her life, revealing to him but also to Flora and to all those who know them, friends and colleagues including a very inconvenient truth
 
Prezzo: € 16,00

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare