Piano nobile

Piano nobile

Dopo Caffè amaro, il nuovo episodio di una maestosa trilogia siciliana. Simonetta Agnello Hornby sgomitola storie che sono anche episodi della storia di tutto il Paese e dilatano quella capacità di allacciare la visione d'insieme e la potenza del dettaglio.«Questo è il nuovo episodio di una maestosa trilogia siciliana. Simonetta Agnello Hornby sgomitola storie che sono anche episodi della storia di tutti il Paese e dilatano quella capacità di allacciare la visione d'insieme e la potenza del dettaglio» - AvvenireLe famiglie sono famiglie, e chissà ancora per quanto impediranno, nasconderanno, confonderanno.Palermo, estate 1942. Nel suo letto di morte, il barone Enrico Sorci vede passare davanti agli occhi, come in un lucido delirio, la storia recente della sua famiglia. Vede la devozione della moglie, le figlie Maria Teresa, Anna e Lia, i figli Cola, Ludovico, Filippo e Andrea, ma vede anche i bastardi, e nel contempo il destino di una città che a cavallo del secolo splende di opportunità e nuova ricchezza, con i treni che arrivano carichi di merci. Poco prima di morire il barone ordina che la notizia del suo trapasso non venga annunciata subito e infatti, ignari, i parenti si radunano intorno alla grande tavola della sala da pranzo per un affollatissimo simposio che si tiene fra silenzi, ammicchi, tensioni, battibecchi, antichi veleni, nuove ambizioni. È come se il piano nobile di palazzo Sorci fosse il centro del mondo, del mondo che tramonta – fra i bombardamenti alleati e la fine del fascismo – e del mondo che sta arrivando, carico di speranze ma anche di una nuova e più aggressiva criminalità. Cola, per espressa volontà del padre, siede al posto del capofamiglia. E suo è lo sguardo con cui si aprono le nuove vicende. Dopo di lui prendono la parola tutti i personaggi che più da vicino sono coinvolti con il destino della famiglia. Uno dopo l'altro portano testimonianze, visioni, memorie che si avviluppano, come in una spirale di fatti e di passioni, intorno all'accadere che segna Palermo dal 1942 fino all'aprile del 1955. Offesa dalla guerra e dall'occupazione, la città si apre con sventato entusiasmo a una nuova ricchezza e a nuove alleanze con la politica e la malavita. Nelle pieghe della famiglia Sorci si consumano amori, fughe, passioni, ribellioni, rovine. E tutto fluisce, incessante. Agnello Hornby sgomitola storie che sono anche episodi della storia di tutto il Paese e dilatano quella capacità di allacciare la visione d'insieme e la potenza del dettaglio, che i lettori hanno già imparato a riconoscere in Caffè amaro.
Disponibile in 5 giorni lavorativi Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

The Marchesa
The Marchesa

Simonetta Agnello Hornby
The nun
The nun

Antony Shugaar, Simonetta Agnello Hornby
Siamo Palermo
Siamo Palermo

Simonetta Agnello Hornby, Mimmo Cuticchio
Siamo Palermo
Siamo Palermo

Simonetta Agnello Hornby, Mimmo Cuticchio
Mennulara (La)
Mennulara (La)

Simonetta Agnello Hornby
Nessuno può volare
Nessuno può volare

Simonetta Agnello Hornby, George Hornby
Nessuno può volare
Nessuno può volare

Simonetta Agnello Hornby, George Hornby
Rosie e gli scoiattoli di St. James
Rosie e gli scoiattoli di St. James

Simonetta Agnello Hornby, George Hornby
La nostra Londra
La nostra Londra

Simonetta Agnello Hornby, George Hornby
La pecora di Pasqua
La pecora di Pasqua

Simonetta Agnello Hornby, C. Carrer, Chiara Agnello
La pecora di Pasqua
La pecora di Pasqua

Simonetta Agnello Hornby, C. Carrer, Chiara Agnello