Giornalisti o giudici. Quando la cronaca «trova» il colpevole prima della sentenza

Giornalisti o giudici. Quando la cronaca «trova» il colpevole prima della sentenza

Se "il buon giornalismo è la fatica del cercare, del documentarsi, del controllare, senza paraocchi, senza settarismi e in modo indipendente", che cosa è successo ai professionisti dell'informazione nel caso dell'omicidio di Meredith Kercher, a Perugia, e di Chiara Poggi, a Garlasco? I due casi presentano conclusioni opposte, ma anche molte analogie: i due principali indagati, Raffaele Sollecito, nel primo caso, e Alberto Stasi, nel secondo, sono stati subito raffigurati e valutati dai media come "colpevoli", senza rispettare quel diritto alla presunzione di innocenza che, secondo la legge italiana, deve essere riconosciuto sempre e comunque a ogni imputato. Vittorio Roidi e Lorenzo Grighi - due generazioni di giornalisti a confronto - esaminano le modalità con cui la cronaca nera tratta i suoi protagonisti, sottoponendoli a un processo mediatico prima ancora che giudiziario, in un saggio che è, al contempo, un atto di accusa contro le derive del giornalismo e un manifesto sui principi di un'informazione corretta.
Al momento non disponibile, ordinabile in 3 settimane circa Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Last Love Parade
Last Love Parade

Marco Mancassola
Eclisse del Dio unico
Eclisse del Dio unico

Ferruccio Parazzoli
23 cose che non ti hanno mai detto sul capitalismo
23 cose che non ti hanno mai detto sul c...

Ha-Joon Chang, R. Fantacci, L. Fantacci
Austerità è di destra. E sta distruggendo l'Europa (L')
Austerità è di destra. E sta distrugge...

Marco Passarella, Emiliano Brancaccio
Le lettere 1755-1776
Le lettere 1755-1776

Mozart, Wolfgang Amadeus