Corpus tibullianum III 7. Panegyricus messallae

Corpus tibullianum III 7. Panegyricus messallae

Il Panegyricus Messallae ci è conservato nel Corpus Tibullianum, ma non può essere stato composto né da Tibullo né da un poeta dell'età augustea. Questo carme, che è l'unico in esametri del Corpus Tibullianum, deve essere piuttosto interpretato come un esercizio poetico-retorico, scritto dopo la prima metà del I sec. d.C, ma forse anche più tardi, da un autore che probabilmente voleva essere considerato Tibullo. Il commento presente in questo volume si sofferma sugli elementi utili alla datazione del Panegyricus Messallae; esso, inoltre, pone in rilievo le corrispondenze esistenti tra questo componimento e i precetti formulati dai retori sull'encomio e le poche, ma significative reminescenze del Panegyricus Messallae presenti in autori tardo-antichi.
 
Prezzo: € 17,00
Al momento non disponibile, ordinabile in 3 settimane circa Aggiungi al carrello Aggiungi a lista dei desideri

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Dialogo con la città. Crescenzio Sepe dialoga con Erri de Luca
Dialogo con la città. Crescenzio Sepe d...

De Luca Erri, Sepe Crescenzio
La leggenda del ponte
La leggenda del ponte

Giacomantonio Stanislao, Stanislao Giacomantonio, Erri De Luca, Enrico De Luca
Le Rivolte inestirpabili
Le Rivolte inestirpabili

D. De Marco, Danilo De Marco, Erri De Luca
Parteras. Sapienza e arte
Parteras. Sapienza e arte

R. Bressan, G. Paolo Gri, J. Grossutti, Danilo De Marco, Erri De Luca