Bello figliolo che tu se': Raffaello

Bello figliolo che tu se': Raffaello

«Quando, a Carnevale, il carro delle ragazze smaritate a bellaposta transitava sotto le finestre del palazzotto dove stava Raffaello, da quel carro saliva un coro d'elogio appassionato cantato a tutta voce per il giovane pittore: "Bello figliolo che tu se', Raffaello, come te movi appresso a lu Papa quanno sorte a passaggiare, tu se' l'àgnolo Gabriele, ìllo pare lo tòo camariere [...]". Quando morì aveva appeno trentasette anni. Si racconta che per il dolore anche i sanpietrini si staccavano, rotolando fuori dal selciato, e mezza Roma urlando piangeva disperata.» (Dario Fo)
Disponibile in 5 giorni lavorativi Ordina libro

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare