Ad nota

Ad nota

"Se non restasse ancora vivo il pregiudizio pigro per il quale un poeta in dialetto è un minore, anche quando è maggiore, Raffaello Baldini sarebbe considerato da tutti quello che è, uno dei tre o quattro poeti più importanti d'Italia. S'intende che il fatto di scrivere nella lingua più discreta che ci sia, come di recente Baldini ha chiamato il dialetto, non è per nulla indifferente non si dice all'accento, ma anche alla selezione tematica e ai risultati di questa poesia. Ed è vero che c'è non da oggi, e anzi cresce, una noiosa arcadia dialettale che possiamo anche giudicare una prosecuzione con altri mezzi di quel biografismo ed esistenzialismo a buon mercato che tiene il campo in tanta poesia in lingua e che tenta di mascherare nella falsa immediatezza del dialetto ciò che in realtà è, malinconia all'ombra del potere. Ma nei veri dialettali, nei dialettali per necessità, tra i quali Baldini spicca, le cose vanno altrimenti: qui vive la rappresentazione - e verrebbe voglia di dire la creazione, ai raggi X - di un mondo inesprimibile in lignua e che probabilmente morrà, forse sta già morendo...". (P.V.Mengaldo)
 
Prezzo: € 14,00
Momentaneamente non ordinabile Aggiungi a lista dei desideri

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare