Pena e giustizia nel concetto hartiano di diritto

Pena e giustizia nel concetto hartiano di diritto

Il concetto hartiano di diritto, mediante il nesso con gli studi dell'analytical jurisprudence e in ossequio alla tradizione inglese del giuspositivismo, esamina il fenomeno della normatività nella prospettiva della vita sociale con i problemi dell'interpretazione ad essa connessi. Per la sua complessità, e per il suo legame con le "ovvie verità" umane, il diritto, secondo Hart, non si risolve, come vuole la tradizione benthamiana e austiniana, in termini di comando, minacce, obbedienza e generalità e si caratterizza non solo sulla distinzione di norme primarie che impongono obblighi e norme secondarie che conferiscono poteri, ma sul fatto che il loro "aspetto interno" permette di usarle "come criteri per la guida e la critica della condotta". La teoria del diritto come ordinamento di norme primarie e norme secondarie consente di superare i difetti di una struttura sociale composta solo dalle norme primarie: l'incertezza, la staticità e l'inefficienza della pressione sociale contro le trasgressioni.
 
Prezzo: € 24,00
Momentaneamente non ordinabile Aggiungi a lista dei desideri

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Frammenti postumi. 1.Autunno 1869-aprile 1871
Frammenti postumi. 1.Autunno 1869-aprile...

M. Carpitella, F. Gerratana, Mario Carpitella, Giuliano Campioni, G. Colli, Federico Gerratana, B. Zavatta, C. Colli Staude, Friedrich Nietzsche, G. Campioni, Benedetta Zavatta
Frammenti postumi. 2.Inverno 1870/1871-primavera 1872
Frammenti postumi. 2.Inverno 1870/1871-p...

M. Carpitella, F. Gerratana, Mario Carpitella, Giuliano Campioni, G. Colli, Federico Gerratana, B. Zavatta, C. Colli Staude, Friedrich Nietzsche, G. Campioni, Benedetta Zavatta