Le filippiche

Le filippiche

Meno di un mese dopo le fatali idi di marzo, forse fra il 6 e il 7 di aprile 44, Cicerone decise di allontanarsi da Roma. Era ormai svanita in lui ogni speranza che l'uccisione di Cesare potesse segnare il ritorno a quell'equilibrio di diritti, di doveri e di funzioni - "potestas in magistratibus, auctoritas in principum consilio, libertas in populo" - di quella "vetus res publica", della quale lui, Cicerone, dopo la morte di Pompeo e di Catone, era rimasto il piú autorevole, se non l'unico, rappresentante. Il suo nome, infatti, avevano gridato i congiurati, alzando i pugnali intrisi del sangue di Giulio Cesare; e il suo nome facevano gli stessi avversari, come quello del capo della congiura. Quel giorno il vecchio consolare s'era affrettato a raggiungere i congiurati sul Campidoglio, per ringraziare, insieme con essi, gli dei, ma anche per attendere gli sviluppi della situazione ed apprestarsi, se necessario, alla difesa. Dal Campidoglio era disceso il giorno seguente, con una grande speranza nel cuore: il fatto che per il 17 marzo il console Marco Antonio avesse convocato il senato, significava l'inizio di una restaurazione costituzionale? Comunque, bisognava cogliere l'occasione, ma procedere, a un tempo, senza rigidezza, se mai con qualche arrendevolezza, tanto piú che il console aveva, sì, convocato il senato, ma aveva anche messo le mani sulle carte di Cesare e sui settecento milioni di sesterzi da questo depositati nell'erario, per la spedizione contro i Parti. (Dall'Introduzione di Bruno Mosca) Orientamenti bibliografici a cura di Cristina Borgia.
 
Prezzo: € 13,00 € 9,75
Sconto: 25,00% Risparmi € 3,25

Dettagli Libro

Libri che ti potrebbero interessare

Natura divina (La)
Natura divina (La)

Marco Tullio Cicerone, Cesare Marco Calcante, Cesare Marco Calcante
Difesa di Cluenzio. Testo latino a fronte
Difesa di Cluenzio. Testo latino a front...

Marco Tullio Cicerone, Marco Fucecchi, M. Fucecchi
Elogio della senilità
Elogio della senilità

Marco Tullio Cicerone, D. Fazzi, D. Fazzi
La vecchiaia-De senectute-L'amicizia-De amicitia. Versioni integrali con testo latino a fronte
La vecchiaia-De senectute-L'amicizia-De ...

Marco Tullio Cicerone, Z. Di Tillio
Il sogno di Scipione. Echi dal mondo classico. Testo latino a fronte. Per le Scuole superiori
Il sogno di Scipione. Echi dal mondo cla...

Marco Tullio Cicerone, E. Malaspina
Sogno di Scipione. Con testo latino a fronte (Il)
Sogno di Scipione. Con testo latino a fr...

Marco Tullio Cicerone, Giuseppe Solaro
In difesa della vecchiaia. «Cato Maior, de senectute»
In difesa della vecchiaia. «Cato Maior,...

Marco Tullio Cicerone, G. Manca
Contro Catilina. Testo latino a fronte
Contro Catilina. Testo latino a fronte

Marco Tullio Cicerone, N. Marini, N. Marini
Il sogno di Scipione-Il fato. Testo originale a fronte
Il sogno di Scipione-Il fato. Testo orig...

Marco Tullio Cicerone, Andrea Barabino, Andrea Barabino
Difesa dell'attore Roscio-Contro Vatinio. Testo latino a fronte
Difesa dell'attore Roscio-Contro Vatinio...

Marco Tullio Cicerone, Annalaura Burlando, A. Burlando
Lettere. Testo latino a fronte
Lettere. Testo latino a fronte

Marco Tullio Cicerone, R. Scarcia
In difesa di Milone (Pro Milone)
In difesa di Milone (Pro Milone)

Marco Tullio Cicerone, Paolo Fedeli